Finito il Capitalismo Europeo… come Creare una nuova società – incontri itineranti

martedì, settembre 17, 2013

Da dove arrivano le idee di questo blog? Per spiegarlo dobbiamo tornare indietro nel tempo. Nel 2000 in Argentina, nel pieno dei bombardamenti della finanza speculativa dell’FMI, usciva un libro dal titolo “Oltre il Capitalismo, Economia Mista” di Gulliermo Sulligns, un libro che cercava di disegnare un futuro per il Paese e per il modello economico decadente del capitalismo. All’epoca gli Argentini non vedevano più futuro, mentre l’economia Argentina agonizzava sotto la scure dell’ideologia dell’Austerità e le mani tentacolari della finanza internazionale.

Da tempo gli umanisti avevano analizzato e denunciato la speculazione del grande capitale e dato alcune indicazioni sul da farsi. Con questo libro Gulliermo Sullings, che è attivo nel Partito Umanista (in Argentina) dalla giovane età, ha cercato di plasmare un nuovo modello di società ed economia ispirata al Nuovo Umanesimo, inizialmente descritta nel libro “Lettere ai Miei Amici” di Silo e poi in “Introduzione all’economia del Nuovo Umanesimo” di di José Collado Medina, Paola Parra e José Luis Montero de Burgos.

Chiariamo anche che Gulliermo Sullings non fu preso in considerazione né da alcun politico né, tanto meno, dai vari economisti titolati del sud america. Fu completamente ignorato e rimase un idealista inascoltato. Ma veniamo a noi.

Torniamo ai nostri giorni. Siamo nel 2013 in Europa e siamo sotto i colpi della scure della Troika e proprio in quest’anno a Novembre uscirà la traduzione italiana di questo libro (grazie al gruppo di studio del Partito Umanista di cui facciamo parte). E’ un testo rivoluzionario di cui consiglio caldamente la lettura. Sarà presto disponibile in italiano la versione ebook.

Ma basterà un libro per cambiare le politiche economiche neoliberste e neomercantiliste della finanza internazionale?

Senza dubbio è fondamentale il contributo  di tutti gli economisti (segnaliamo l’evento Euro, mercati, democrazia 2013 – Come uscire dall’euro) e movimenti che stanno denunciando la trappola mortale dell’unione europea e della zona euro. Infatti colgo l’occasione e ringrazio sinceramente (e con entusiasmo!) l’impegno di tutti, è grazie a questi economisti e movimenti che nutro delle speranze di poter raddrizzare a breve la deviazione che ha avuto la storia…

Ma basterà il dibattito che finalmente si è acceso intorno all’uscita dall’euro per creare un nuovo modello economico? Il dibattito è aperto.

Senza dubbio è fondamentale delineare un nuovo modello sociale ed economico che eviti questa avvitamento del’economia reale, tornando ogni volta sempre sugli stessi passi e in crisi e guerre economiche sempre più frequenti, oltre ad uno stile di vita basato sul consumismo.

Con Ottobre iniziamo a girare per associazioni e gruppi per tenere questi incontri itineranti “finito il Capitalismo Europeo… Come Creare una nuova società”

Spesso quando si pensa all’opposto del capitalismo si pensa al comunismo o al socialismo e quando si pensa ad un misto tra i due si pensa alle social-democrazie europee che ormai cadono a pezzi grazie al liberismo sfrenato imposto anche in Europa grazie ai trattati europei e alla commissione europea. Non stiamo pensando né ovviamente ad una società primitiva senza Stato, dove regna la legge del più forte, come propongono i neo-liberisti, né ad una società comunista con un Super Stato che opprime la dimensione umana ed esistenziale dell’essere umano e la libertà di scelta…. Abbiamo letto che la questione è testo di un articolo su Internazionale.

Quando noi pensiamo all’Economia Mista del Nuovo Umanesimo stiamo pensando ad una nuova via, non stiamo pensando solo a tornare indietro alle social-democrazie in cui per fortuna siamo nati e cresciuti in Europa, ma stiamo pensando al futuro, l’Economia Mista si basa sui pilastri della Democrazia Reale e partecipata, dove lo Stato si trasforma in una sorta di Stato Coordinatore formato dall’intelligenza collettiva, dove l’ interesse privato e pubblico convergono verso l’interesse comune. Ovviamente, gli economisti del mainstream si rotolerebbero dalle risate, a sentire che esistono teorie economiche che loro non capiscono. per loro sono impossibili, punto e basta. Ma torniamo a noi, appunto.

Questo workshop è organizzato in due ore di spiegazione con slide e un’ora di spazio per le domande.

Le slide di questo workshop sono una parziale ed estrema semplificazione  del libro “Oltre il Capitalismo, Economia Mista” di Gulliermo Sullings.

In questi workshop, sia per i limiti stessi dei relatori ( me stesso e Vincenzo) sia per il pubblico a cui sono destinati, non si scende nel dettaglio tecnico economico, quanto ad una visione sintetica e strutturale politica ed economica, che si basa su studi approfonditi.

In effetti io e Vincenzo siamo umanisti prestati all’Economia… negli ultimi anni abbiamo studiato alcune proposte economiche e sociali, comprese quelle di diversi economisti del Nuovo Umanesimo, oltre a collocare le altre ideologie economiche. Così abbiamo potuto comprendere più profondamente le proposte e piani di azione contenuti nel libro, che trattano come superare questa terribile violenza economica.

La violenza economica prodotta dalla finanza e dalle multinazionali crea miseria ed emarginazione, che in questo momento nell’EuroZona utilizza le regole dell’Euro, della Bce e della Commissione Europeo per scagliarsi contro la popolazione europea.

E’ urgente sopratutto in questo momento dare strumenti per aprire le speranze e scoprire insieme alcune alternative economico-sociali, oltre a fare comprendere l’inganno e la trappola in cui ci hanno messo.

La peggiore arma che usano è la distruzione dell’immagine di futuro, facendoci sentire senza speranze, per devitalizzarci, purtroppo quello che stanno ottenendo è l’aumento della violenza e del disordine…

Lo ripeto: ci fanno vivere come se non esistesse né un passato (la storia!) né un futuro. Viviamo il presente come esistesse solo quello. Dopo di questo c’è solo il grande nulla, ma siamo vicini anche a quello, forse.

Ovviamente noi lottiamo per aprire le speranze e fare in modo che la popolazione prenda il destino nelle proprie mani.

 

Siamo disponibili a tenere questo workshop “ovunque” ci siano dei gruppi interessati a studiare e sviluppare queste basi, non esitate a contattarci per richiederci di tenerlo nella vostra città con le persone che avete radunato.

Ecco i temi del workshop:

Breve storia dell’economia

I modelli economici , bisogni e Desideri , la dittatura del denaro , il modello economico neo-liberista
Storia dell’economia predominante, il ritorno delle elites finanziarie al potere

La situazione attuale

Le teorie monetarie
L’attuale distribuzione della ricchezza ,a ziende più capitalizzate al mondo

I paradigmi attuali

L’enigma della proprietà privata, l’uso sociale della proprietà privata
La proprietà intellettuale Crisi economica oppure guerra? La finanza attacca gli Stati Nazionali
Non ci sono alternative? ( T.I.N.A.)

Nuovi Paradigmi:

Umanesimo: visione del Mondo
Economia del Nuovo Umanesimo
Che cosa è stato, cosa è e cosa potrà essere il denaro?

Nuovi Modelli Sociali

Lo Stato Coordinatore e la Democrazia Reale
Intervento e politiche dello Stato Coordinatore in: Economia, Salute, Educazione

Come ridistribuire la ricchezza

Distruzione dei diritti umani sul lavoro: flessibilizzazione del lavoro
Lavoratori e imprenditori, vittime di uno stesso sistema
Come redistribuire la ricchezza?
Banca senza interessi e limitare la Banca privata
Il cambiamento della proprietà
Proprietà Partecipata dei Lavoratori
Il Nuovo Ruolo dei Sindacati
Alcune idee sulla partecipazione ai guadagni

Vedendo l’elenco di tematiche vi sarete chiesti, ma in due ore come è possibile toccare tutti questi temi? ci vorrebbe un corso di laurea…

In effetti non pretenderemo di chiarire e formare su tutte queste tematiche, ma di aprire una breccia nella cappa del “non ci sono alternative, non c’è futuro…” Crediamo che questi incontri possono essere utili per aiutare le persone ad orientarsi e dare una via di lotta e costruzione percorribile.

Puoi Contattarci

Lascia un commento

*