L'Italia in frantumi. Convegno sull'autonomia differenziata

L’attuazione perversa del federalismo fiscale – Convegno sull’autonomia differenziata

Abbiamo partecipato anche come co-organizzatori al Convegno sull’autonomia differenziata, tra i moderatori c’era di noi Valerio Colombo del Partito Umanista, molti i temi e gli approfondimenti fatti, pubblico quello di Marco Esposito su “L’attuazione perversa del federalismo fiscale” che mi sembra scioccante a riguardo come i comuni più ricchi del Nord si sono appropriati di buona parte delle risorse di quelli del Sud Italia, sfruttando la poca presenza dei Sindaci del Sud nelle riunioni dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani.

Sintetizzando i fondi che lo Stato da di ritorno ai Comuni Italiani vengono dirottati verso i comuni che hanno alti livelli di servizi ai cittadini per mantenere lo status quo, mentre nei comuni del Sud dove lo status quo è pochi servizi erogati ai cittadini e poca spesa per i cittadini si è sancito il mantenimento di uno squilibrio. Va fatto notare che i Comuni più virtuosi sono sia al Sud che al Nord, un pò più rari nel centro Italia.

Io comperato il libro “Zero al Sud, La Storia Incredibile (e vera) dell’attuazione perversa del federalismo fiscale” di Marco Esposito che documenta questa vergognosa situazione, per il resto vi suggerisco la visione del video con l’intervento di Marco Esposito.

( prossimamente pubblicherò la recensione del Libro)

L’ITALIA IN FRANTUMI.
Milano, 8 giugno 2019
Camera del Lavoro di Milano

Si sente dire che Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna vogliano l’autonomia regionale differenziata. Ma pochissimi italiani sanno di che cosa si tratta effettivamente: anche perché se ne parla poco, e in modo molto vago.

Obiettivo della giornata di approfondimento sarà recuperare le origini di questo processo, le richieste regionali e le loro possibili implicazioni. Non si tratta infatti di una piccola questione amministrativa, che riguarda solo i cittadini di quelle regioni, ma di una grande questione politica, che riguarda tutti gli italiani.
Cercheremo di approfondire i motivi per cui si è lanciato l’allarme di una possibile “secessione dei ricchi” andando poi ad approfondire il rischio di spezzettamento della scuola pubblica e di creare per esempio nell’ambito sanitario cittadini di serie A e di serie B a seconda della regione in cui vivono.

Lo faremo con una struttura divisa in 4 aree.
Una prima analisi più sistemica che evidenzi appunto le dinamiche geopolitiche, storiche e giuridiche degli ultimi decenni, una seconda di primo approfondimento che evidenzi gli effetti economici e sul lavoro delle dinamiche in atto.
Passeremo poi al pomeriggio ad un ulteriore approfondimento sul tema della sanità e dell’istruzione.


MATTINA

ore 9.45 – 13.30

Introduce:
Giandomenico Potestio

Moderano
Valerio Colombo (Partito Umanista – Italia)
Paolo Ortelli (comitato scientifico Patria e Costituzione)

Vittorio Emanuele Parsi
(Università Cattolica, direttore ASERI – Graduate School of Economics and International Relations)
“Lo stato italiano e la crisi dell’ordine liberale”

Alessandro Visalli
(Network per il Socialismo Europeo)
“Agenda Urbana e neomunicipalismo”

Floriana Cerniglia
(Università Cattolica, direttrice Centro di ricerche in Analisi economica e sviluppo economico internazionale – CRANEC )
“Quante incertezze sulla strada del federalismo differenziato”

Andrea Morrison
(Universita di Utrecht)
“Quale dimensione territoriale per le politiche industriali?”

Adriano Giannola
(presidente SVIMEZ – Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno)
“Un’analisi economica delle proposte avanzate sul ‘federalismo differenziato’ “

Marco Esposito
(giornalista e saggista, Il Mattino)
“L’attuazione perversa del federalismo fiscale”

Edoardo Zanchini
(vicepresidente Legambiente)
“Il regionalismo differenziato e i suoi effetti sulla tutela dell’ambiente e dell’ecosistema”

Pierpaolo Leonardi
(segretario generale USB)
“Il regionalismo differenziato e i sindacati: tutela del lavoro e nuove gabbie salariali “

Massimo Villone
(Università Federico II di Napoli)
La “secessione dei ricchi” in Italia dalla Lega Nord di Miglio al regionalismo differenziato del 2019:
soggetti, oggetti e limiti della procedura costituzionale prevista dall’art.116 Costituzione italiana

Stefano Fassina
(parlamentare LeU, presidente Patria e Costituzione)
Relazione conclusiva della mattinata


Iniziativa organizzata da
Patria e Costituzione, Forum Per Il Diritto alla Salute, Associazione Minerva, Movimento RadicalSocialista, Network per il Socialismo Europeo, Partito Umanista – Italia, Risorgimento Socialista-Lega dei Socialisti, Senso Comune, Sottosopra. Idee per ripensare il presente e immaginare il futuro, Unione degli Universitari – Milano, Centro Riforma Stato – Toscana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Per ricevere la newsletter

privacy info

Holler Box