Una Colonia chiamata Euro Zona : grazie al debito e alla moneta

mercoledì, luglio 15, 2015

È abbastanza chiaro a tutti che comportamento ha uno strozzino?

È qualcuno che ti presta i soldi quando sei disperato!

Dovrai restituirgli molti più soldi di quelli che ti ha prestato: è una persona senza scrupoli, a cui non interessa cosa farai e come farai per dargli tutti i soldi, compresi gli interessi spropositati, in più che lui pretende.

È abbastanza chiaro a tutti che lo strozzino non è un amico;  che non ti sta aiutando: non c’è alcun rapporto di UNIONE né di Cooperazione né di Collaborazione.  È un rapporto di sfruttamento; è un rapporto violento e sicuramente si produrranno certe quantità di odio e di rabbia per lo sfruttamento ricevuto, oltre a una certa insensibilità e di disprezzo da parte dell’usuraio che vede l’altro essere umano (oppure la popolazione) come un oggetto da sfruttare.

Che collaborazione c’è stata tra i Paesi Africani ex-colonie europee e i Paesi Colonizzatori?

Un rapporto di sfruttamento, che è proseguito anche quando formalmente quei paesi si sono resi indipendenti, con una propria costituzione, una propria repubblica o monarchia.  Ma lo sfruttamento è proseguito con un vincolo o monetario e/o un debito finanziario. Per approfondimenti sulla Franco-izzazione ed poi Eurizzazione dell’Africa da parte della Banca Centrale Francese potete leggere su Wikipedia Franco CFA.

Ma perché parliamo di UNIONE Europea quando invece c’è lo stesso tipo di strozzinaggio applicato un tempo alle colonie africane verso gli stati più deboli siano essi la Grecia, il Portogallo, la Spagna, l’Irlanda, l’Italia od altri?

Non esiste alcuna UNIONE: è un rapporto impositivo da parte di Commissione Europea, Banca Centrale Europea e Fondo Monetario Internazionale verso le popolazioni degli stati firmatari di tali trattati. I temi di interesse di questi vertici decisionali nell’Unione Europea sono il denaro, la finanza e soprattutto gli interessi (usurai) dei creditori.

È un duro colpo per la psiche di molti, riconoscere i fatti e i reali gretti interessi di questi trattati, dato che la propaganda li ha chiamati “Unione Europea”; è stato un miraggio, uno specchietto per le allodole. Come umanisti (e come Partito Umanista) già nel 1999 vi avevamo avvertiti che non era l’Unione Europea per i popoli! Lo so è dura accettarlo (meglio tardi che mai);  ma di fatto è un Impero Finanziario Economico sotto una forte influenza delle corporations e lobby, non solo europee ma anche statunitensi, influenza che sta schiacciandoci sempre di più.

Come in tutti i processi di maturazione, il riconoscimento del fallimento è sconfortante. Ci hanno fatto immaginare che senza questa “Unione” ci sarà la Guerra, l’autarchia degli Stati Nazionali; ci fanno temere che delegittimando questa falsa “Unione” ci sarà la Guerra. In realtà, già siamo sotto i loro bombardamenti psicologici , economici e finanziari che ci stanno rendendo la vita impossibile. I formatori di opinione non sono certo interessati al dialogo tra i popoli, eppure ci dispensano consigli sul da farsi per evitare il peggio.

Ma come hanno fatto a metterci in questa infelice situazione ?

Farò una grande semplificazione per i non-economisti. Visto che molte persone comuni vogliono capire come uscire dal ricatto e dalla sottomissione in cui ci hanno relegato (e con essi altre centinaia di milioni di persone in Europa).

L’anestesia della democrazia e la neutralizzazione dell’economia (dei cittadini) è stata attuata sopratutto grazie a due azioni:

– la manipolazione della moneta ovvero la creazione dell’euro

– L’istituzione di trattati internazionali (Maastrich, Lisbona, etc)  per scardinare le costituzioni o le procedure democratiche dei Governi e dei Parlamenti

Euro Debito

La manipolazione monetaria: l’euro

Approfondimenti sulla Moneta li trovate nel nostro libro Guillermo Sullings “Oltre il Capitalismo, Economia Mista”.

La moneta permette gli scambi economici ; chi gestisce la moneta gestisce macro-economicamente gli scambi. Se vivessimo ancora nel baratto gli scambi economici avverrebbero tramite il baratto (il baratto  non necessariamente è egualitario, anche nel baratto rimane la disuguaglianza tra lo scambio , ed esempio alcuni secoli fa si scambiavano gli schiavi Africani con chincaglierie che arrivavano dall’Inghilterra).

La moneta attuale viene definita a corso legale, ovvero sono dei numeri nei conti correnti; oppure al più sono dei fogli di carta colorati stampati che uno Stato (o degli Stati) riconoscono come valido per gli scambi e per riscuotere le tasse; è uno strumento necessario per regolare i rapporti economici il cui costo è quasi zero e di cui quindi non c’è scarsità.

La quantità di moneta circolante dovrebbe seguire la quantità di scambi di modo da permettere che domanda ed offerta possano incontrarsi.

Perché se non posso barattare ed ho servizi o beni da offrire e tu hai bisogno di usufruire di beni o servizi e a tua volta ne hai da offrire , abbiamo bisogno della moneta per fare lo scambio multilaterale, se non abbiamo a disposizione la moneta non possiamo fare incontrare domanda ed offerta reciproca e da più lati.

La moneta dovrebbe essere uno strumento per i Paesi , ovvero per l’insieme di comunità, per consentire all’economia reale di fare i suoi scambi, per fornire educazione, sanità, casa, qualità della vita alle comunità. Quindi la moneta svolge una funzione vitale ad ogni Paese, tale funzione vitale può essere custodita solo dalla democrazia di quel Paese o di quei Paesi.

Invece, se delle elite finanziarie gestiscono arbitrariamente la moneta, senza dipendere dalle democrazie, inevitabilmente è successo e succede che manipolano la moneta per i proprio privilegi e per ricattare le popolazioni. Questo è (di fatto) quello che sta succedendo nella zona euro. In particolare in questo momento è sotto l’opinione che si pubblica, lo strozzinaggio verso la Grecia.

Con l’euro succede che una banca privata, la BCE, gestisce un bene pubblico che da a chi vuole e con un tasso diverso (lo spread) da paese a paese. 

La moneta non dovrebbe essere una merce, dovrebbe essere un bene comune (come ampiamente spiegato da Sullings e altri economisti), che come tutti i beni comuni dovrebbe essere sotto la sovranità ed il potere dei popoli.

L’Indipendenza delle Banche Centrali

Con l’Unione Europea è stato tolto alle sovranità degli Stati che hanno firmato i vari trattati internazionali (Maastrich, Lisbona,etc…) il potere sulla moneta, che è stato trasferito ad un soggetto non democratico che è la Banca Europea, la BCE.

Si è stupidamente inneggiato al fatto che BCE è indipendente dagli Stati; purtroppo alla maggioranza delle persone è sfuggito che equivale a dire che il potere sulla moneta euro non è degli Stati.

Di conseguenza la gestione delle economie della zona euro è nelle mani degli azionisti di maggioranza della BCE (ovvero Banche Tedesche, Francesi ed Inglesi in primis), che ovviamente non sono istituzioni minimamente democratiche. E che non hanno nessun interesse a creare ricchezza per i cittadini europei.

L’Esperimento dell’euro

L’esperimento dell’euro e dellla BCE va ben oltre alla nefasta “indipendenza delle Banche Centrali” e dei banchieri dalle Democrazie…..

Nel caso della’euro e della BCE vi è stata una perdita talmente vertiginosa di potere economico degli Stati della zona euro confrontabile a quella degli Stati Africani con il Franco Francese.

La BCE,  come Banca Centrale dovrebbe regolare il flusso monetario della zona euro a costo zero in termini di ricchezze e diritti dei cittadini della zona euro, come fanno le banche centrali del mondo hanno (è il loro lavoro). Essa, invece, chiede ai cittadini rimpolpare i buchi speculativi che le banche dell’area hanno prodotto e tutti i debiti e buchi lievitati grazie a trattati e politiche dissennate.

Di per se, è già assurdo produrre soldi per coprire i buchi speculativi delle banche e non farlo invece per garantire sanità, educazione, qualità della vita ed altro. Ma è ancor più assurdo coprire i buchi con i pochi soldi dei cittadini della zona euro; oppure aspettarsi che il resto del mondo debba andare in deficit per acquistare i prodotti europei (di fatto tedeschi, soprattutto).

Le Banche Centrali dovrebbero regolare la quantità di moneta in base all’esigenza dell’economia reale e dell’occupazione; la BCE non fa nemmeno questo (che è un’attività che una Banca Centrale può fare a costo marginale tendente a zero). Nel fantastico mondo dell’euro-zona la BCE e chiede ai cittadini, che non possono stampare moneta (previa la galera), di coprire i buchi che la banche stesse fanno; questo ci fa capire quanto siamo all’assurdo!

Trattati Internazionali della UE, ovvero trattati di sfruttamento chiamati Unione Europea

I trattati internazionali, chiamati con l’inganno Unione Europea (bisogna fare i complimenti al marketing delle lobby), via via hanno creato accordi internazionali a svantaggio dei cittadini membri ed a vantaggio delle multinazionali e della finanza. Su questo che tutti siamo abbastanza informati  a riguardo,  per cui non aggiungerò altro.

Quindi l’euro della BCE è stato un ottimo strumento della finanza per governare gli Stati della zona euro, così da imporre gratuitamente l’austerità, la disoccupazione, la svendita delle aziende, della sanità e dell’educazione, dell’energia e la demolizione dei diritti conquistati nel ‘900.

Si è imposta artificialmente la scarsità della moneta, come fecero con le monete d’oro gli Inglesi nelle colonie Americane. Quello che è ancora più assurdo si è imposta di conseguenza un’economia con una  scarsità artificiale di mezzi di modo da indebitare gli Stati e privatizzare per speculare sopra all’educazione, alla sanità, alla casa, all’ambiente , alla qualità della vita di centinaia di milioni di persone, proprio in un momento in cui l’umanità ha tutti i mezzi per garantire a tutti una vita degna. (nota: ovviamente bisognerebbe anche abbandonare il modello della globalizzazione che produce cose inutili ed inquinanti e sprechi incalcolabili).

L’euro, lo SME e la riforma delle banche centrali (negli anni ’80) sono stati tutti passi per fare togliere agli Stati nazionali la gestione della moneta; quindi emettere a debito la creazione della moneta, il cui costo reale è quasi nullo. Così, gli stati hanno iniziato ad indebitarsi con aziende finanziarie e con dei privati (speculatori come Soros). Regalando loro degli interessi spropositati  sono arrivati a farsi espropriare i propri beni comuni (tramite politici compiacenti) a vantaggio della finanza speculativa e delle banche speculative private. Ovvero, abbiamo tolto soldi ai cittadini più poveri per dare soldi a quelli che erano già troppo ricchi! Poi sono arrivate le privatizzazioni per pagare i debiti (indovinate…tramite politici compiacenti). Ed ancora, abbiamo tagliato sulla sanità e sull’istruzione per dare ancora (indirettamente) soldi a loro. Questa è la vera storia del debito pubblico se analizzato con criterio scientifico!

E’ una storia già vista: è stato fatto con la dollarizzazione nell’America Latina, con il franco francese nelle colonie francesi, con la moneta inglese nelle colonie americane; ci sono comunque altre innumerevoli esperienze di sfruttamento monetario.

Prima delle riforme delle Banche Centrali (che diventavano indipendenti dalle democrazie e poi dipendenti dalle banche private) gli Stati nazionali avevano un “costo zero” per regolare la quantità di moneta circolante; poi hanno iniziato a pagare per gestire il flusso monetario, indebitandosi con proprietà reali a fronte di numeri creati nei computer delle Banche Centrali. Questa è la vera storia del debito pubblico se analizzato con criterio scientifico!

L’euro è stato ovviamente un bel salto avanti per la finanza, perché ha lasciato nelle mani delle Banche qualsiasi decisione relativa al livello di speculazione sugli Stati che sono diventati debitori all’infinito delle Banche, nonostante esse non producano nessun bene reale! Semplicemente, adesso loro gestiscono il flusso monetario che ha costo marginale zero.

Tutti gli Stati dell’area euro dall’entrata in vigore dell’euro si sono enormemente indebitati verso la finanza o verso altri Stati o sono diventati maggiormente dipendenti dalle esportazioni e dai capitali esteri e speculativi. Tutto questo, per poter raccimolare moneta che non posso più produrre a costo marginale zero, ma che le Banche Centrali producono a costo quasi nullo.

E’ macabro ascoltare questi uomini d’affari senz’anima al vertice dell’eurocrazia quando fanno strozzinaggio e lo chiamano  “aiuti”!

Sicuramente, gli strozzini sono contenti degli “aiuti” grazie l’immolazione dei greci (e te credo conquistano un Paese senza carri-armati). Questi uomini d’affari senz’anima sono insensibili quando fanno fare un ulteriore martirio al popolo greco dopo 5 anni di sfruttamento e vessazioni in nome degli “aiuti” precedenti; ovvero debiti forzati e gonfiati dallo strozzinaggio a loro favore (tramite politici compiacenti).

Non sono intenzionalmente andando ad approfondire altre questioni rispetto all’impossibilità ad avere la stessa moneta tra Stati con economie molto differenti che continuano ad essere in concorrenza gli uni con gli altri e senza una banca centrale che garantisca nella pratica e con dovuta velocità piena occupazione e stessi livello migliorativi di Salute, Educazione, diritti sul lavoro, previdenza sociale, casa, livello tecnologico e qualità della vita.

Mi sono soffermato essenzialmente sulla natura ed il ruolo della Moneta e quindi il ruolo e funzione che hanno avuto l’euro e i trattati chiamati “Unione Europea”.

Spero con questo breve scritto di avere risposto almeno in parte ai dubbi relativi all’euro ed alla sua funzione di dominio sui popoli europei.

Roberto Innocenti

Lascia un commento

*